weblab monitorIl 7 dicembre, dalle 10.00 alle 19.00, chiunque abbia partecipato al WebLab ha trovato sullo schermo 4 scenari di futuro per immaginare la possibilità che in città, al Pigneto, possa esistere un cinema un po' diverso. Nati dalla polarizzazione di visioni emerse durante il percorso (perché, nella realtà, i confini tra le diverse opzioni sono molto meno netti e le possibilità emerse molto più articolate), ognuno è partito scegliendo una di queste opzioni sul futuro cinema:

  • UN CINEMA-CINEMA in rete con circuiti di cinema(tografia) nazionali e internazionali
  • UN CINEMA SPAZIO di sperimentazione, formazione e produzione, aperto a tutti, e focalizzato sul mondo e i mestieri del cinema e dell’audiovisivo (locale, nazionale e internazionale)
  • UN CINEMA APERTO ad altre attività fortemente collegate a gruppi, presidi e associazioni esistenti nel quartiere e nel territorio adiacente
  • UN LUOGO-CINEMA per incontri e discussioni sui temi del quartiere e della società.

Dopo aver scelto lo scenario, ciascuno ha quindi immaginato come questo cinema funziona, cresce e diventa un punto di riferimento per il quartiere e per la città.
Con tanti "mattoncini" a disposizione (emersi dal lavoro fatto fino a quel momento), ognuno ha potuto rispondere alle domande necessarie per approfondire lo scenario scelto:

  • CON CHI COLLABORA MAGGIORMENTE?
  • COSA FA PRINCIPALMENTE?
  • CHI LO FREQUENTA CON PIÚ PIACERE?
  • COME SI FINANZIA?

Vai alla pagina con le risposte raccolte durante l'intera giornata

Con il Laboratorio 2 del percorso Co’Roma | Pigneto, ci siamo spostati nel gennaio 2020 e siamo entrati (con l’immaginazione) nel Nuovo Cinema Aquila.
Come sarà diventato il Cinema a tre anni dalla sua riapertura?
Con chi avrà stretto relazioni fondamentali?
Quali saranno le sue attività principali?
Chi lo frequenterà con più piacere?
In che modo sarà diventato un punto di riferimento per il territorio?
Quael sarà la sua “missione”?

Partendo dal materiale raccolto durante i precedenti incontri e laboratori, piccoli gruppi di 3/4  persone hanno lavorato su grandi foglioni, scegliendo –tra oltre 60 concetti– solo alcuni degli elementi provenienti dal lavoro fatto durante gli incontri precedenti. Con scotch e forbici, post-it e pennarelli, ciascun gruppo ha elaborato la propria visione, a tutto tondo, sul ruolo e sulle modalità d’azione del cinema nel quartiere, nella città e spesso nel panorama anche internazionale.

Su alcuni punti sono emerse logiche di scelta opposte; a volte ci sono state sovrapposizioni. Ciò che caratterizza tutti questi scenari è un futuro in cui il Cinema riesca ad andare ben oltre il suo ruolo di luogo di proiezione. Il Nuovo Cinema Aquila dovrà essere capace di tessere relazioni tra cittadini, realtà territoriali diverse, istituzioni; dovrà trovare un nuovo modo di tenere insieme le diverse domande a cui potenzialmente può rispondere; dovrà stare ben attento alla sua sostenibilità economica nel tempo per non cedere a logiche che lo allontanino dalla sua natura e funzione; dovrà aprire il proprio sguardo e il proprio respiro andando oltre il quartiere e la città.

Nella Casa delle Culture e delle Generazioni del Pigneto, ci siamo salutati dopo aver fatto un esercizio abbastanza complicato, forse il più difficile: immaginando quali passi dovrà fare il Cinema per portarci dal futuro al presente, quindi entro 3 anni – 1 anno – 3 mesi dalla sua riapertura.

Il lavoro non è ancora terminato: dopo questa giornata, abbiamo elaborato 4 diversi scenari sul futuro del Cinema, polarizzando le visioni emerse durante l’intero percorso e mettendole a disposizione di chiunque voglia arricchirle, online su questo sito il 7 dicembre.
Per partecipare al WebLab c’è tempo dalle 10.00 alle 19.00 di mercoledì.

Vai ai materiali di lavoro

Vai alla fotogallery

sintesi gruppi previewNel pomeriggio del 22 novembre, nella sala incontri della Biblioteca Goffredo Mameli, al Pigneto, abbiamo parlato per oltre 3 ore con più di 15 associazioni, tutte con punti di vista costruttivi ed elementi di riflessione con cui contribuire al futuro del Nuovo Cinema Aquila.

Siamo partiti dal racconto delle tante possibilità aperte il 19 novembre, durante il Laboratorio 1, e abbiamo cercato di comprendere insieme le domande che queste prime riflessioni aprono, i punti di attenzione e quelli di sviluppo.

Affinché il Cinema sia uno spazio polifunzionale ben radicato nel territorio ma con lo sguardo più ambizioso, con i rappresentanti delle associazioni presenti (da gruppi di mamme a operatori del sociale) abbiamo continuato a costruire, arricchire, comprendere meglio alcuni elementi.

Questi alcuni tra i tanti spunti della conversazione:

  • il Cinema dovrà restare ancorato alla sua natura: essere una sala cinematografica in grado di offrire un accogliente spazio (fisico e creativo) in cui sperimentare un modo nuovo di “andare al Cinema” per incontrarsi, sviluppare idee e relazioni nei modi più diversi possibili, rivolgendosi sia a individui sia a gruppi di ogni età;
  • il Cinema dovrà sviluppare una forza costruttiva con il territorio nel quale vive, ma essere anche un polo d’attrazione per l’intera città;
  • il tema della sostenibilità del Cinema nel tempo non è soltanto un problema economico ma anche sociale, attraverso lo sviluppo di trame di relazioni e opportunità di crescita umana nutrite grazie all’esperienza di vivere il cinema.

È necessario sperimentare modelli innovativi affinché il Nuovo Cinema Aquila torni ad essere nuovamente un punto di riferimento per il quartiere e per Roma stessa.
Adesso siamo al lavoro affinché il lavoro fatto fino ad oggi continui ad arricchirsi grazie al Laboratorio #2 del 4 dicembre.

Sintesi grafica di quanto emerso: formato PNG (Kb 418)

Apri l'immagine del pannello con gli appunti dell'incontro (f.to Png - Mb 3,00)

Vai alla fotogallery

Sintesi del Laboratorio 1 (click per ingrandire)Con Laboratorio 1 del 19 novembre, abbiamo raggiunto una tappa importante del percorso collaborativo Co’Roma sul futuro del Nuovo Cinema Aquila. Una discussione allargata e un’elaborazione arricchita da tanti punti di vista, che l’amministrazione comunale ha il compito di rielaborare durante e alla fine del percorso. Questo lo spirito che ha caratterizzato il lavoro nella palestra della scuola “Enrico Toti”, e che ha reso visibile come dall’intelligenza collettiva dei singoli cittadini emerga una intelligenza collettiva capace di prendere decisioni.

Durante il Laboratorio 1 è stato offerto spazio alle idee di ciascuno per discuterle, rielaborarle, raccoglierle lavorando prima in piccoli gruppi e poi in una conversazione finale in plenaria.
Con pennarelli, grandi fogli, post it e mappe, con cittadini di tutte le età e rappresentanti delle istituzioni, abbiamo lavorato per 4 ore. Divisi in 11 gruppi, ci siamo messi “nei panni” di qualcun altro per immaginare quali fossero le attese e le domande di quest’altro verso la riapertura del Cinema. E dopo una passeggiata di “contaminazione” per guardare e ascoltare il lavoro fatto da ciascun gruppo, ci siamo concentrati a elaborare una “settimana-tipo” all’interno dello spazio fisico del Nuovo Cinema Aquila, e a identificare eventuali punti d’attenzione da non perdere di vista durante il nostro percorso.
Il Laboratorio ha permesso di generare tante, tantissime proposte, indicazioni, suggestioni a volte simili, a volte divergenti: tutti elementi che continueranno a vivere e a definirsi meglio nelle successive tappe del percorso. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato. Alla prossima.

Sintesi grafica di quanto emerso: formato PNG (Kb 319)

Materiali di lavoro non rielaborati: pannelli round 1 - pannelli round 2

Vai alla fotogallery

È entrato nel vivo lo scorso weekend (12-13 novembre 2016) il percorso collaborativo per la definizione degli elementi fondanti del futuro progetto culturale del Nuovo Cinema Aquila.

Sabato 12 novembre siamo stati in giro per le strade del Pigneto e abbiamo incontrato la gente del posto immersa nella quotidianità, passando dal Nuovo Cinema Aquila e i banchi del mercato rionale, tra i ragazzi intenti a studiare in Biblioteca e gli anziani del quartiere riunitisi per ascoltare un concerto di musica lirica. Siamo stati anche spettatori e tifosi delle squadre di ragazzini che giocavano a calcio nei campetti del quartiere.

Abbiamo parlato alla gente di quello che abbiamo avviato: un percorso articolato, non semplice e nè tradizionale, che stimoli un dialogo aperto e costruttivo che abbia al centro il futuro del Cinema e la vita di chi abita in questo quartiere e a Roma. 

Ecco quindi che domenica 13 novembre abbiamo aperto le porte nella palestra della Scuola “Enrico Toti” e gruppi di genitori e bambini, adolescenti, nonni e professionisti si sono incontrati per raccontarci il loro punto di vista sul quartiere. Disegnando o annotando sulle mappe, abbiamo raccolto le impressioni, le sensazioni, le speranze, le abitudini dei cittadini che sono venuti a raccontarci del “loro” Pigneto. Sono intervenuti non solo gli abitanti del quartiere, ma anche persone provenienti da altre zone, incuriosite dall’evento. La palestra è diventata per un giorno un punto di incontro per confrontarsi e comprendere in che contesto, in che ecosistema si inserisce oggi il cinema. Un momento di scambio importante, che ci aiuta a porre le basi per proseguire alle prossime fasi del processo. 

Martedì 15 novembre invece, Co’Roma ha varcato la soglia della Commissione Cultura del Municipio V: in questa sede abbiamo raccontato il percorso, risposto a dubbi, accolto osservazioni e aggiunto altri elementi a quelli emersi durante la domenica aperta in palestra.

Adesso il percorso continua: c’è tempo fino a giovedì 17 novembre alle ore 12.00 per iscriversi come singoli cittadini - al Laboratorio 1 in programma sabato 19 novembre dalle 9.30 alle 13.30 presso la palestra della Scuola elementare “Enrico Toti”, via del Pigneto 104.

Mentre le associazioni, gli operatori, i gruppi (formali o informali) organizzati, hanno tempo fino a domenica 20 novembre per iscriversi all’incontro di martedì 22 novembre dalle 15.00 alle 19.00 (luogo e modalità da definirsi).

Le mappe arricchite dai partecipanti
Apri la mappa "Raccontaci il tuo Pigneto" (f.to Png - Mb 3,06)
Apri la mappa "Vogliamo sapere se..." (f.to Png - Mb 3,12)

Mediateca
Vai ai video
Vai alla fotogallery