sintesi gruppi previewNel pomeriggio del 22 novembre, nella sala incontri della Biblioteca Goffredo Mameli, al Pigneto, abbiamo parlato per oltre 3 ore con più di 15 associazioni, tutte con punti di vista costruttivi ed elementi di riflessione con cui contribuire al futuro del Nuovo Cinema Aquila.

Siamo partiti dal racconto delle tante possibilità aperte il 19 novembre, durante il Laboratorio 1, e abbiamo cercato di comprendere insieme le domande che queste prime riflessioni aprono, i punti di attenzione e quelli di sviluppo.

Affinché il Cinema sia uno spazio polifunzionale ben radicato nel territorio ma con lo sguardo più ambizioso, con i rappresentanti delle associazioni presenti (da gruppi di mamme a operatori del sociale) abbiamo continuato a costruire, arricchire, comprendere meglio alcuni elementi.

Questi alcuni tra i tanti spunti della conversazione:

  • il Cinema dovrà restare ancorato alla sua natura: essere una sala cinematografica in grado di offrire un accogliente spazio (fisico e creativo) in cui sperimentare un modo nuovo di “andare al Cinema” per incontrarsi, sviluppare idee e relazioni nei modi più diversi possibili, rivolgendosi sia a individui sia a gruppi di ogni età;
  • il Cinema dovrà sviluppare una forza costruttiva con il territorio nel quale vive, ma essere anche un polo d’attrazione per l’intera città;
  • il tema della sostenibilità del Cinema nel tempo non è soltanto un problema economico ma anche sociale, attraverso lo sviluppo di trame di relazioni e opportunità di crescita umana nutrite grazie all’esperienza di vivere il cinema.

È necessario sperimentare modelli innovativi affinché il Nuovo Cinema Aquila torni ad essere nuovamente un punto di riferimento per il quartiere e per Roma stessa.
Adesso siamo al lavoro affinché il lavoro fatto fino ad oggi continui ad arricchirsi grazie al Laboratorio #2 del 4 dicembre.

Sintesi grafica di quanto emerso: formato PNG (Kb 418)

Apri l'immagine del pannello con gli appunti dell'incontro (f.to Png - Mb 3,00)

Vai alla fotogallery